ACCETTIAMO IL RINVIO DEL PRIDE MA NON STIAMO IN SILENZIO.

Il nostro documento politico

Logo Non Finisce Queer

Tre anni fa nasceva Non Finisce Queer.

Lo diciamo spesso, quando ci presentiamo a chi non ci conosce: ciascunə di noi, in misura e modi diversi, prima di Non Finisce Queer si sentiva solə, disorientatə, poco utile. Una sensazione comune, questa, tra giovani LGBTQAI+: quando ci scopriamo e riconosciamo per la prima volta, ci sentiamo anche estremamente solə, come se fossimo unicə al mondo; specialmente se ci troviamo in una città in cui ai giovani LGBTQAI+ non sono concessi spazi per aggregarsi, materiali per acquisire conoscenza e consapevolezza, momenti di svago, di lotta e di scoperta delle proprie radici.

L’estate del 2019 ha rappresentato per moltə di noi un punto di svolta. Il primo Pride che Alessandria ha ospitato ci ha permesso di riconoscerci e di creare quello che ad Alessandria mancava: un collettivo non di giovani gay e non solo di giovani LGBTQAI+, ma soprattutto di giovani queer. Al nostro nome siamo arrivatə una sera di quell’estate del 2019, in Corso Roma. Un nome potente, forse più potente di quanto potessimo immaginare, un nome che più volte ci ha fatto da guida in questi difficili anni, un faro nel buio. Un nome che voleva dire lotta, rivoluzione, rottura.

Prossima pagina